Il metodo Dorn

IL METODO DORN

Sviluppato da Dieter Dorn circa 30 anni fa in Germania, il metodo Dorn è oggi uno dei sistemi manuali e di esercizio fisico più diffusi in quel paese per combattere e prevenire il mal di schiena. Attualmente (in Germania) i Massaggiatori, i Naturopati, i Fisioterapisti, o i Medici applicano professionalmente tale metodo, come terapia per problemi specifici. Tuttavia l’ aspetto interessante è che una buona parte del metodo prevede semplici esercizi articolari e posturali di auto aiuto, per cui qualunque persona può applicarlo su di sé. L’applicazione è semplice e priva di rischi: prevede alcune digitopressioni gentili tra le apofisi spinose e trasverse delle vertebre, mentre il ricevente (con braccia, gambe o collo) effettua delle piccole oscillazioni che contribuiscono al riallineamento vertebrale e allo scioglimento delle tensioni muscolari nei punti corrispondenti. Si tratta infatti di movimenti decontratturanti studiati per favorire il rilassamento della muscolatura intervertebrale. Sono previsti anche esercizi motori di prevenzione ed educazione sulla postura. Il tutto viene fatto senza manovre brusche o pericolose e senza dolore.

Tutti possono praticare gli esercizi e farsi trattare con il metodo Dorn, con alcune controindicazioni: portatori di protesi ortopediche, patologie discali e vertebrali importanti, osteoporosi e/o osteopenia importanti, handicap motori.

In tutti questi casi, tuttavia, il medico curante, il fisioterapista può utilizzare la metodica dopo un accurata valutazione.

 

MASSAGGIO BREUSS Si tratta di un massaggio sviluppato dal terapista austriaco Rudolf Breuss ed è un perfetto complemento del Metodo Dorn Il massaggio infatti prevede una serie di manovre che rilassano la muscolatura paravertebrale e con l’utilizzo di olii naturali, favoriscono un rilassamento benefico. Associato al metodo Dorn, ne incrementa l’efficacia

 

Per maggiori info sul metodo: www.dorn-method.com

Lascia un commento

È possibile utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>